Monday, September 26, 2016

5 benefits of grapes seed oil on your skin



Did you know? Grape makes you beautiful! Grape seed oil is processed from the tiny seeds of grapes. In addition to enjoying those succulent grapes, you can now use grape seed oil for its marvelous skin. Let's find out the 5 benefits of  grapes seed oil on your skin.

5 benefits of grapes seed oil on your skin 
Grape seed oil is the oil extracted from seed of grapes. It has a lot of benefits for skin, like:



  • treating pimples and acne
  • tightening skin
  • relieving dark circles around the eyes
  • mosturizing 
  • fighting aging

How to use grapes seed oil on your skin? A grape face mask
What about a grape face mask to use the grapes seed oil on your skin? It's very simple to prepare and you can do it by yourself. 

Grape is not only used to produce wine but it also has calming, soothing, depurative, astingent and antiaging properties. Many cosmetics are based on the grapes! Would you like to make a grape face mask by yourself? We'll show you how to make it!

The first thing you have to do is to press the grapes to get the juice and use it in two different ways:
  • dip a cotton ball in the juice and wipe your face
  • Spread the juice and gently massage it on neck, nose and face. Then, leave it for 20 minutes and remove it with lukewarm water
Whether you are looking for a natural or environmentally and skin friendly face mask, you'll need just some grapes and extract the fruit. Your skin will thank you!



Come si fa il vino?

Come si fa il vino? Ecco 2 interessanti infografiche per sapere tutto sul processo di vinificazione dei vini bianchi e rossi!

Vinificazione del vino rosso




Vinificazione vino bianco


Seguici sui social per rimanere sempre informato sui nostri eventi in cantina, sulle novità del mondo del vino e tanto altro. Vieni in cantina per una visita guidata: dopo le infografiche sulla vinificazione, il vino non avrà più segreti!



Wednesday, September 21, 2016

Come preparare una maschera viso all'uva fai da te

L’uva ti fa bella! Lo sapevi? L'acino d'uva, oltre ad essere impiegato per la produzione di vino, è ricco di proprietà calmanti, emollienti, depurative, astringenti e anti age! In commercio troviamo infatti tanti cosmetici a base d'uva. Oggi ti spieghiamo come dedicare una coccola naturale alla tua pelle con la ricetta della maschera viso all'uva fai da te.




Come preparare una maschera viso all'uva: ingredienti e procedimento
Sei alla ricerca di una maschera per il viso del tutto naturale, rispettosa dell'ambiente e soprattutto della tua pelle? Per ottenere una pelle del viso perfettamente liscia, pulita in profondità e idratata, priva di pori dilatati, ti servono pochi acini di uva bianca, da cui trarne un succo. 

Una volta pressati gli acini, e ottenuta una buona quantità di succo, basterà solamente tuffare nel liquido un batuffolo di cotone con cui tamponare poi il viso. 
In alternativa, potrai stendere la polpa direttamente sul volto, collo e naso, lasciando agire il composto per circa 20 minuti, per poi rimuoverlo con acqua tiepida. 

L’olio ottenuto dalla spremitura dei chicchi è ricco di grassi polinsaturi emollienti ed idratanti e di acidi che rimuovono le cellule morte dalla pelle. 

Un unico ingrediente dalle molteplici caratteristiche, dunque l'uva, che ti permetterà di avere una maschera di bellezza in grado di idratare, illuminare e detergere in modo naturale il tuo viso. 

Thursday, September 15, 2016

Sabato 1 Ottobre: evento. La vendemmia degli gnomi



Sabato 1 ottobre 2016 vi aspettiamo alle 15.30 per l'evento: La vendemmia degli gnomi. Un pomeriggio dedicato alle famiglie con visite guidate, degustazioni dei vini, merenda sinoira e laboratori didattici per i bambini.  

La vendemmia degli gnomi: la storia degli gnomi della cantina Josetta Saffirio
Qui alla cantina Josetta Saffirio, siamo in piena stagione di vendemmia! Un'esperienza a noi cara e che ci piacerebbe condividere con grandi e piccini, con l'evento: La vendemmia degli gnomi

Chi sono gli gnomi e che relazione hanno con la nostra cantina? Ve lo diciamo subito! 
Dovete sapere che nonno Ernesto Saffirio, era solito raccontare la sera alla piccola Josetta, che da bambino vedeva arrivare nel cortile della cascina di Castelletto,uno gnomo con un carretto trainato da topolini. Gli gnomi aiutavano i contadini, prendendosi cura degli animali e controllavano la cantina, chiedendo in cambio un po’ di vino. 

Le storie tramandate da nonno Ernesto hanno preso forma: gli gnomi sono diventati un simbolo vero e proprio della nostra azienda e hanno reso famose in tutto il mondo le etichette illustrate di Josetta Saffirio.

La vendemmia degli gnomi: come si articola l'evento?
L'evento comincia alle 15.30 presso la nostra cantina a Monforte d'Alba. La Vendemmia degli gnomi è rivolto a bambini con età compresa dai 5 ai 10 anni, che accompagnati da un'educatrice dell'infanzia potranno assistere alla magica atmosfera della vendemmia sulle tracce degli gnomi! L’attività si concluderà con una gustosa merenda a base di alcuni prodotti dell’azienda, nella Sala Degustazione della Cantina. 
I genitori potranno lasciarsi guidare alla scoperta dei segreti della cantina e della bottaia, dove il vino silenziosamente matura, con degustazione vini Josetta Saffirio, in abbinamento ad una merenda langarola a base di pane salame e formaggio.

Per i bimbi sono richiesti un paio di stivaletti di gomma per la pigiatura e suggeriamo un cambio.Costo: 10 euro a persona (adulti e bambini). Durata: 2,5 h

Info e prenotazione (obbligatoria)
Email: info@josettasaffirio.com
Telefono: 0173787278 - 3351328474 

Noi e gli gnomi vi aspettiamo per la vendemmia!

Wednesday, May 4, 2016

'Mamma come sei bella'
 
Devo confessare di essere veramente stanca. Aver avuto 4 figli in soli 5 anni, mi ha veramente messo alla prova. Ho una carenza di sonno che non recupererò mai più (nemmeno dopo morta), un guardaroba al limite della vergogna e mi ritengo fortunata se riesco a infilarmi sotto la doccia a giorni alterni.
 
Quattro bimbi, che urlano, fanno capricci, non ascoltano, mettono sottosopra la casa e fanno scappare la pazienza ai Santi.
Eppure...la mia casa è piena di gioia, di felicità e di amore. In quattro anni ho ricevuto molto di più di quello che avrei potuto anche soltanto immaginare.
 
Domenica sarà la Festa della Mamma. Il regalo più bello è sentire i miei bimbi più grandi che canticchiano la canzone che stanno imparando all'asilo 'come sorpresa per la mamma'.
E poi oggi Giovanni mi ha fatto scendere una lacrimuccia. All'uscita da scuola, io sgarrupata come al mio solito, trafelata e con delle occhiaie fin sotto il mento. Lui mi guarda e  mi dice: 'Mamma come sei bella'. Anche se ero la brutta copia in bianco e nero di Cenerentola nei suoi giorni peggiori, mio figlio ha visto in me la sua mamma, non importa se con i capelli da lavare e le unghie mangiucchiate, se era in tuta (con tanto di macchie da sugo). 

Che grande regalo per la Festa della Mamma!

E allora facciamoceli questi auguri, a noi mamme: a quelle che barcollano fra cambi di pannolini e mancanza di sonno, e le madri più mature, che imparano a lasciare andare i loro cuccioli. Alle mamme casalinghe e quelle che devono incastrare lavoro e famiglia, , quelle single e quelle sposate. Auguri a tutte noi! Teniamo duro, alla fine POSSIAMO SOLO FARE DEL NOSTRO MEGLIO, dire ai nostri bimbi ogni giorno che li amiamo e pregare per loro.

Che sia una splendida festa della Mamma per tutte!


 

Wednesday, March 30, 2016

Vino e gravidanza vanno d'accordo?
 
Sono in attesa del mio quarto figlio e come tutte le mamme devo fare i conti con le limitazioni e proibizioni del caso: via tutti gli insaccati freschi, verdura e frutta cruda non sbucciata, pesce crudo, formaggi non pastorizzati, ridurre caffè, niente mayonese fatta in casa, vietato scambiarsi baci bavosi con gli altri figli e potrei andare avanti ancora. Calcolando che ho il pancione da  5 anni di fila, è una vita di privazioni!
Ma almeno sul vino la mia ginecologa è sempre stata morbida. Almeno fino a qualche settimane fa quando mi ha fatto notare che l'alcol passa attraverso la placenta e arriva al bambino. A questo punto sono andata in crisi. Toglietemi tutto ma non un bicchiere di vino con gli amici!
Eppure cercare letteratura su internet è (come spesso succede) deleterio: il terrore ti assale: si parla di sindrome feto-alcolica che comprende da difetti congeniti fisici e limitato accrescimento fino a difficoltà nell'apprendimento del bambino già in età prescolare.
Per fortuna non rientro nella categoria di donne che abusa di alcol, ma resta il fatto che è sconsigliato superare le 2 unità di alcol quotidiane. Insomma, questo vale per tutti non solo per le gravide, quindi il consiglio è come sempre: bere meno e bere meglio!